Giallo Sanchez. Dopo le pessime notizie dal Cile di ieri e la relativa mezza smentita dell'Inter (RILEGGI QUI), oggi è il giorno della verità. Il giorno in cui si saprà se davvero Alexis Sanchez dovrà restare ai box per un infortunio oppure se si sia trattato solo di un eccessivo allarmismo. L'attaccante cileno è tornato in Italia ieri sera assieme al connazionale Vidal: "Sanchez ha avuto un contatto ieri mattina con lo staff medico nerazzurro, nel quale non avrebbe segnalato particolari problemi - riferisce la Gazzetta dello Sport -. Ma questo non può far testo, quando si parla di guai muscolari le sensazioni dei calciatori contano fino a un certo punto. Ecco perché oggi si capirà qualcosa di più: è in programma una visita approfondita per l’attaccante. La posizione del club è di prudenza. Conte spera che non si tratti di nulla di grave, ovviamente. Un paio di considerazioni, a margine: Sanchez ha mostrato più volte in passato un’ottima resistenza al dolore e una grande velocità nei recuperi, basti ricordare quanto accaduto per la semifinale e la finale di Europa League. Secondo punto: siamo a 24 ore dal derby e dentro un periodo di partite ogni tre giorni. Perché Sanchez sia disponibile domani, dovrebbe proprio non esserci nulla, altrimenti il «rischio» di perderlo per diverse gare sarebbe troppo elevato".

Insomma, si tratta solo di aspettare qualche ora per risolvere il giallo. Di certo, questa sosta per le nazionali non ha agevolato il lavoro di Conte, chiamato a dover fare i salti mortali tra Covid e defezioni assortite.

VIDEO - NEL MAROCCO FA TUTTO HAKIMI: CROSS, DRIBBLING, PIAZZATI E ACCELERAZIONI BRUCIANTI CONTRO IL CONGO

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 16 ottobre 2020 alle 08:15 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print