C’è una squadra francese che da un paio di stagioni a questa parte sta facendo razzia nel nostro campionato, prelevando di volta in volta alcuni dei pezzi da novanta che erano rimasti alla povera Serie A: un assalto a suon di pecunia qatariota, cominciato con Javier Pastore, passato da Thiago Motta e a quanto pare destinato a culminare in questi giorni con l’arrivo di Thiago Silva. C’è una squadra francese, dove tra l’altro il responsabile del mercato, è una vecchia conoscenza del nostro Paese, che sta depredando il nostro torneo, mentre al di la delle Alpi c’è una squadra che per il proprio mercato sta guardando con molta insistenza al territorio esagonale che si estende fino all’Oceano e ai Pirenei. L’Inter guarda con un occhio più che attento ai talenti che stanno sbocciando Oltralpe, e di questi due in particolare sembrano molto appetiti.

Vi abbiamo già parlato di Yann M’Vila del Rennes, e della grande utilità che un elemento come lui può rivestire nel nuovo centrocampo di Stramaccioni. Ma dalla nazionale di Laurent Blanc arriva anche un altro giocatore che nelle intenzioni del management nerazzurro rappresenta l’elemento ideale per dare un’iniezione di qualità alla corsia destra che dopo tante stagioni rischia di diventare orfana del suo padrone, Douglas Maicon. Il suo nome è Mathieu Debuchy, arriva da una stagione strepitosa al Lille, e nelle ultime settimane la sua candidatura è diventata bollente, al punto che osservatori nerazzurri sono andati a visionarlo anche ieri, a Donetsk, dove era impegnato nella gara di debutto ad Euro 2012 contro l’Inghilterra. Rispondendo pienamente alle attese: Debuchy a detta di tutti è stato il migliore in campo, facendo razzia sulla fascia destra e maltrattando il malcapitato Oxlade-Chamberlain. Una prova maiuscola, al punto da spingere il maggiore quotidiano sportivo nazionale a parlare di “giocatore da prendere al volo”.



Debuchy primo nome sulla lista nerazzurra, Debuchy che però piace molto anche al Newcastle, visto che anche i Magpies avevano un loro inviato speciale alla Dombass Arena per la gara con gli inglesi di Hodgson, alla Roma e al Real Madrid di José Mourinho. Debuchy che comunque rappresenta un nome dai mille vantaggi: per il rapporto qualità-prezzo (anche se dovesse continuare con questo andazzo agli Europei, probabilmente il cartellino lieviterà di valore); vuoi per la convenienza rispetto all’altro nome emerso nelle ultime ore, Lukasz Piszczek, giocatore di sicuro valore ma per il quale comunque il Borussia Dortmund non sembra molto incline ad andare al di sotto dei 13 milioni di euro; vuoi anche per il fatto che il giocatore si è detto già affascinato dalla prospettiva di tentare un’avventura all’estero.

Mathieu Debuchy, quindi, rappresenta una pista privilegiata, che promette di garantire all’Inter un’iniezione di corsa e qualità importante. La concorrenza c’è, e sembra molto agguerrita, ma i nerazzurri sembrano volersi muovere con decisione. E poi, perché solo i francesi devono prendere da noi e non il contrario?

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 12 giugno 2012 alle 15:10
Autore: Christian Liotta
vedi letture
Print