Dopo la reboante vittoria conquistata dalla sua Inter contro il Milan nel derby di Milano Primavera, Armando Madonna risponde alle domande dei giornalisti. Partendo da Martin Satriano, autore di una doppietta nel 3-0 finale: "E' sempre stato un giocatore che si è sacrificato per la squadra, che ha lavorato bene. Non si è mai demoralizzato neanche quando non segnava, poi è logico che il gol con la Roma lo abbia caricato. Ora gli riesce tutto, fa tutto con grande facilità".

FcIN - Dopo la Roma, un altro successo prestigioso in una sfida sentita col Milan. Ma sabato c'è già la Juve, la considera come una prova della maturità?
"Non ancora perché dobbiamo fare un filotto di vittorie per dire che siamo maturi. Ne facciamo una bene, ma ad esempio col Sassuolo non abbiamo fatto benissimo. C'è da dare continuità a questo tipo di atteggiamento: i ragazzi sanno che quando giocano così, è difficile affrontarci. Poi si può perdere o vincere, ma se siamo così non è facile batterci". 

Vezzoni: arrivato all'Inter come centrocampista centrale, grazie a lei ormai si è trasformato in un esterno a tutti gli effetti. Soddisfatto dell'intuizione avuta? In cosa può ancora migliorare per poter puntare ai "grandi"?
"
L'intuizione arrivano perché sei forzato a fare una cosa, ma lui può fare anche il centrocampista. La sua forza è la vitalità, la personalità e la voglia di vincere. Deve crescere su alcune giocate, a volte si sente più bello di quello che è". 

Sezione: Giovanili / Data: Mer 17 febbraio 2021 alle 17:33
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print