Yaya Touré all'Inter grazie all'intervento del Suning. Questo lo scenario descritto oggi da Tuttosport, che spiega come l'approdo a Milano dell'ivoriano  sia ora possibile grazie all'intervento di Zhang Jindong. "Essendo consapevole del fatto che - a differenza di un anno fa - non c’è unanimità di pareri su Touré, Mancini ha evitato (finora) di sbilanciarsi troppo, almeno a livello mediatico, sull’argomento. Lo ha però fatto con Thohir spiegandogli tutti i motivi per cui un giocatore di 33 anni può essere il centro di gravità di una squadra, l’Inter, che in questi anni si è impegnata per ridurre drasticamente l’età media della rosa e a dare una sensibile sforbiciata al monte ingaggi. La trattativa con il Manchester City (con cui l’Inter dovrà pure risolvere la grana Jovetic) non dovrebbe essere difficile anche perché l’arrivo di Guardiola - che volle (e ottenne) la testa di Touré già ai tempi del Barça - è garanzia del fatto che il club, nonostante un contratto in scadenza nel 2017, possa lasciare il cartellino nelle mani del giocatore oppure accontentarsi di un conguaglio". Grazie al Suning, poi, Touré avrebbe la certezza di giocare altri 2-3 anni nel calcio che conta, all'Inter, per poi godere di una sorta di pensionamento dorato nella Chinese Super League, allo Jiangsu
 



 
 

Sezione: Focus / Data: Ven 29 aprile 2016 alle 08:30 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print