Le pagelle della Gazzetta dello Sport premiano quasi in toto lo schieramento di Antonio Conte. L'allenatore stesso si prende un bel 6,5, nonostante gli venga imputato un "approccio sbagliato". La palma del migliore va a Lukaku, uno dei cinque giocatori a pescare un 7 in pagella: "Il primo pallone che tocca è gol. Fisico e astuzia per spostare Etxeita, precisione e potenza per segnare: Big Rom così è una vera goduria. Sono 30 reti nerazzurre, peccato non aver chiuso i conti, lode solo rimandata". Stesso voto anche per Handanovic, "decisivo dopo 100 secondi" con la parata su Maksimovic, ma anche per Bastoni, Barella ed Eriksen, per il quale una serata così "ci voleva proprio", anche da subentrante. Sufficienza per D'Ambrosio, Young e Biraghi, arrivano al 6,5 De Vrij e Lautaro.

Dietro la lavagna finisce Marcelo Brozovic: "Comincia male come tutti i compagni e non riesce mai a ingranare, finendo per perdersi. Esce e l'Inter blinda i quarti". Insufficienti anche Gagliardini e Sanchez, che non vanno oltre il 5.5, più Godin penalizzato da un 5 dovuto soprattutto al fallo di mano in area, ma non solo: "In ritardo sulla chance di Maksimovic, si becca anche un tunnel che apre una voragine in difesa".

Male il Getafe, si va dal "5" a Bordalas fino al 4 per Etxeita e ai 4,5 per Molina e Djené.

Sezione: Focus / Data: Gio 06 agosto 2020 alle 08:30
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print