Intervenuto nella conferenza stampa di presentazione da nuovo dirigente del Bologna, Walter Sabatini si prepara per l'avventura coi felsinei. "Questa è la mia prima scelta. potrò mantenere la mia bolla di felicità. E' la città ideale per vivere bene, e festeggiare qualche successo sportivo. Mi viene dato l'appellativo di 'guru' da gente che da tempo mi voleva qui, ma ho poco a che fare con questo ruolo. Ho vissuto un mese a contatto con l'aldilà, e ora voglio tutto e subito".

Una battuta anche sul passato. Ed è inevitabile il capitolo Inter. "Con Suning le cose sono andate male per colpa mia, ho avuto fretta di fare tutto subito. Però l'idea di un network internazionale ce l'ho da tempo e qui credo finalmente si possa realizzare. Vedo la volontà della proprietà, e ce ne sono anche la capacità. Vogliamo creare un percorso per cui i giocatori crescono nelle Accademie e poi vengono portati in Europa con il Bologna al vertice. Se i giocatori vengono messi in situazioni funzionali crescono più in fretta. Una volta creati mercati paralleli per migliorare la prima squadra avremo raggiunto il nostro obiettivo".

Sabatini racconta anche un aneddoto. "Il mio pallino per il Bologna nasce dagli anni Sessanta. Ai tempi, tifavo la squadra perché, da milanista, era l'unica antagonita dell'Inter".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - PEDRO DE LA VEGA, LA NUOVA PROMESSA ARGENTINA 

Sezione: Focus / Data: Mar 18 Giugno 2019 alle 14:37
Autore: Federico Rana / Twitter: @FedericoRana1
Vedi letture
Print