Con un piazzamento Champions ancora tutto da conquistare, in casa Inter si continua a lavorare per la prossima stagione. In particolar modo, è il reparto offensivo che attrae maggiori attenzioni nella dirigenza nerazzurra, alla ricerca del centravanti che sostituirà Mauro Icardi, in predicato di una cessione a giugno (tutt'altro che semplice). Il primo nome sulla lista di Beppe Marotta e Piero Ausilio, come anticipato nei giorni scorsi (LEGGI QUI), è Romelu Lukaku, reduce da una stagione negativa con il Manchester United. L'attaccante belga, classe 1993 proprio come Maurito, gradirebbe la destinazione nerazzurra e il suo agente Federico Pastorello sta lavorando in questa direzione, dopo aver posto le basi sul discorso ingaggio (quinquennale da 7,5 milioni più bonus). 

PERISIC E SOLDI - Nei prossimi giorni il manager incontrerà Ed Woodward, direttore tecnico dei Red Devils, per gettare il primo amo da Milano. Il Manchester United valuta Lukaku tra i 60 e i 70 milioni di euro (a bilancio è registrato a 51 milioni, sarebbe pertanto una buona plusvalenza) e la prima scelta sarebbe quella di incassare solo cash, per finanziare il mercato in entrata che, nelle intenzioni, sarà particolarmente importante. Consapevole della volontà del club inglese di cedere il belga e della disponibilità dello stesso a vestirsi di nerazzurro, l'Inter presenterà tramite Pastorello una proposta da 20-30 milioni di euro più il certellino di Ivan Perisic, valutato intorno ai 30-35 milioni. Due le ragioni che spingono la dirigenza interista a proporre il croato: la sua mai celata volontà di trasferirsi in Inghilterra e l'intenzione di 'liberarsi' di tutti i giocatori che in questa stagione, per un motivo o per l'altro, hanno rappresentato delle note stonate in casa nerazzurra. Al contempo, abbassare la quota cash sarebbe consigliabile per non svenarsi troppo su un unico obiettivo.

SERVE TEMPO - Tra l'idea e la concretizzazione c'è però la volontà del Manchester United, che è sì alla ricerca di nuovi esterni offensivi ma non per questo potrebbe acconsentire all'ingaggio di Perisic come contropartita. Due estati fa José Mourinho avrebbe fatto carte false per convincere Woodward a regalargli il croato, ma non è detto che l'attuale manager Ole-Gunnar Solskjaer sia dello stesso avviso. In secondo luogo, pur avendo messo in preventivo la cessione di Lukaku, il Manchester United potrebbe prendere tempo per trovare nel frattempo un sostituto e non rischiare di trovarsi senza centravanti titolare. Tempo di cui avrebbe bisogno anche l'Inter ma per una ragione differente: trovare una sistemazione a Mauro Icardi.

VIDEO - GOL DI ICARDI, L’INSULTO DI WANDA SU INSTAGRAM AI TELECRONISTI 

Sezione: Esclusive / Data: Lun 20 Maggio 2019 alle 17:58
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print