Due strade da qui alle ore 22 del prossimo 2 settembre per cedere Mauro Icardi. La prima, totalmente sgradita all'Inter, porta alla Torino bianconera, dove da mesi sottotraccia si muove Fabio Paratici, i cui rapporti con l'ex maestro Beppe Marotta non sono più idilliaci tanto per usare un eufemismo. L'Inter e Steven Zhang credono ci siano i bianconeri dietro i ripetuti no di Maurito a Napoli, Roma e Monaco. Per questo i rapporti si sono fatti tesi e il braccio di ferro sempre più aspro. Inoltre i bianconeri - come preventivato per tutta l'estate - hanno aspettato l'ultimo giorno per palesarsi. Domani 2 settembre potrebbero formulare una offerta al ribasso, inserendo come contropartita Mario Mandzukic, elemento che non rientra però nei piani dei nerazzurri. L'Inter aprirebbe solo allo scambio con Paulo Dybala, sul quale però la Vecchia Signora sta facendo resistenza. Improbabile una offerta cash da 60 milioni. Ergo la pista juventina resta sempre più tortuosa. 

Detto da tempo del no al Monaco, che ieri aveva vanamente rilanciato, alzando da 10 a 12 milioni l'offerta per lo stipendio dell'ex capitano interista, che è rimasto irremovibile verso il club del Principato che ha così virato su Augustin del Lipsia. Nessun contatto recente con Psg e Atletico Madrid da parte dell'entourage di Mauro Icardi che aveva detto no a inizio luglio ai Colchoneros prima che la formazione del Cholo Simeone riscattasse Alvaro Morata

Nelle ultime ore tuttavia è spuntata una nuova pista per Maurito e porta alla Spagna: il Valencia è alla ricerca di una punta (c'è Rodrigo in uscita verso l'Atletico Madrid) e ha messo in cima alla lista dei desideri proprio Icardi. Contatti recenti tra il diesse Pablo Longoria e l'entourage del numero 7 argentino che a differenza di quanto accaduto con il Monaco non ha chiuso la porta, ma sta ascoltando e valutando il corteggiamento valenciano. In primis perché il Valencia disputa la Champions e la Liga resta un campionato top a livello mondiale. Gli spagnoli lo preleverebbero in prestito e non a titolo definitivo: l'occasione per essere protagonista e poi tra dodici mesi tornare a Milano. L'Inter non è contraria alla cessione in prestito, ma vorrebbe allungare di un anno il contratto in scadenza nel 2021. Scenario complesso per le tempistiche e i rapporti non idilliaci tra Mauro e l'Inter. Senza dimenticare che - in caso di rinnovo - bisognerebbe anche cambiare le cifre dell'ingaggio. Insomma, operazione tutt'altro che semplice. Intanto registriamo l'ingresso in scena last minute del Valencia: sarà la volta buona per Maurito e l'Inter per trovare un'intesa? Mancano meno di 48 ore ed è arrivato il momento di prendere una decisone. Da parte di tutti.

Sezione: Esclusive / Data: Dom 1 Settembre 2019 alle 01:00
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print