Il Volendam è stata una scelta facile per Filip Stankovic. Lo stesso portiere figlio d'arte lo conferma ai microfoni del quotidiano Il Foglio: "Quando in estate arrivò la chiamata di Jasper van Leeuwen, dissi sì dopo due minuti. E in poche settimane mi sono reso conto che questo club è anche superiore alle aspettative: migliora l’uomo, imprime una mentalità unica. Papà è sempre la prima persona con cui parlo: mi spiegò che era la scelta giusta. Poi mi aiuta anche da Belgrado, dove allena. Mio fratello è rimasto a giocare a Milano e la mamma si divide fra noi tre: siamo molto uniti e abituati a viaggiare".



Il ragazzo classe 2002 si lascia poi andare ad una riflessione sintomo di enorme maturità: “In nerazzurro ti illudi tanto. Pensi alla maglia che indossi e di poter giocare dappertutto. Con il tempo invece capisci che è sempre più difficile. Dalla Primavera alla prima squadra c’è un salto enorme, di sacrificio puro: se non dai il 100 per cento ogni giorno non cresci. Quindi ai miei ex compagni dico di approfittare di ogni momento all’Inter: piedi per terra, imparando da ogni allenatore".

 
 

Sezione: Copertina / Data: Mer 24 novembre 2021 alle 14:38
Autore: Christian Liotta
vedi letture
Print