Inizia bene l'avventura dell'Inter in Europa League dopo la retrocessione dalla Champions: 2-0 al Ludogorets e ottavi ipotecati. Meno bene, invece, Ajax e Manchester United, che hanno faticato e non poco con Getafe e Club Brugge. La Roma stenta in casa con il Gent: risicato 1-0, qualificazione in bilico. Ecco i top e i flop di giornata:

I TOP

FINALMENTE IL PRINCIPE Doveva essere la notte di Christian Eriksen e così è stato. Il Principe di Danimarca ci mette un po' a entrare in partita, ma poi domina: gol, traversa e giocate di alta classe che mandano al tappeto il Ludogorets.

CICLONE PORTOGHESE – Un vero è proprio ciclone si abbatte sull'Espanyol: il fenomeno porta il nome di Diogo Jota, 23enne attaccante del Wolverhampton che con una tripletta (15', 67' e 81') contribuisce in maniera decisiva la 4-0 inglese sugli spagnoli.

SUPER GETAFE – Continua la stagione magica del Getafe, già terzo nella Liga spagnola. Deyverson e Kenedy regolano l'Ajax e 'vedono' già gli ottavi di finale.

I FLOP

ROMERO A FARFALLE – Solskjaer dà fiducia a Romero in coppa, ma l'uscita a farfalle del portiere argentino costa al 15' lo svantaggio firmato Dennis. Per sua fortuna, Martial riprende il Club Brugge e i Red Devils tornano a casa con un buon 1-1.

FLOP AJAX – I Lancieri sono lontani parenti di quelli ammirati l'anno scorso in Champions League. La squadra di Ten Hag esce con le ossa rotte dal campo del Getafe e rischia seriamente l'eliminazione. Pesano sicuramente anche le tante assenze.

SALISBURGO DESAPARECIDO Dov'è finito il Salisburgo che metteva paura a chiunque? Gli austriaci pagano a caro prezzo il mercato in uscita degli ultimi mesi (hanno lasciato il club, tra gli altri, Haaland, Minamino, Dabbur, Schlager, Lainer e Samassekou) e faticano a confermarsi a livello europeo. L'1-4 patito sul campo dell'eintracht Francoforte è lì a testimoniare il ridimensionamento.

VIDEO - ERIKSEN MANIA ALLA LUDOGORETS ARENA, SELFIE E AUTOGRAFI PER IL DANESE

Sezione: All you can EL / Data: Ven 21 Febbraio 2020 alle 14:20
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print