Dopo l'innesto di Achraf Hakimi, che dovrebbe diventare ufficiale da oggi, l'Inter si concentrerà sugli altri innesti per la prossima annata. Come scrive Tuttosport, la società sente di avere in pugno Sandro Tonali e domani la gara con il Brescia potrebbe essere l'occasione per un incontor con Cellino. Obiettivo: "chiudere un’operazione simile a quella architettata un’estate fa con il Cagliari per Nicolò Barella, valutato dal presidente Giulini 50 milioni".

L'estate scorsa si arrivò a quella cifra tra prestito oneroso, obbligo di riscatto e una serie di bonus. Cellino potrebbe "accontentarsi" di 44-45, ma al momento Marotta è ancora fermo a 35. "Schermaglie, anche perché pesa la volontà del ragazzo di restare in Italia e, se la Juventus continuerà a rimanere defilata, Cellino non ha alternative che non portino all’Inter", si legge ancora.

Fin qui le scommesse per il futuro, ma Conte vuole certezze, ovvero Arturo Vidal. Non finirà nella trattativa con il Barcellona per Lautaro, che sembra naufragata e considerando la situazione in Catalogna e il solo anno di contratto rimasto è ragionevole pensare che la dirigenza farà lo sforzo per accontentare il tecnico. 

Mancherebbe una pedina in attacco, un vice-Lukaku. Il nome è quello di Giroud. Anch'egli ha un anno di contratto, nell'era post-lockdown sta dimostrando di poter essere ancora un ottimo attaccante. Infine torna il nome di Edin Dzeko, ma è condizionato all'eventuale partenza di Martinez o alla mancata permanenza di Sanchez, visto che ha un ingaggio da 7 milioni annui. 

VIDEO - HAKIMI, VISITE ALL'HUMANITAS E PRIMO INCITAMENTO DA PARTE DEI TIFOSI

Sezione: Rassegna / Data: Mar 30 giugno 2020 alle 09:48
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print