C'era un po' di apprensione per come l'impianto del Meazza avrebbe reagito alla serie di concerti di Vasco Rossi. Per ora ce ne sono stati due, ne arriveranno altri quattro, ma secondo il Corriere della Sera la struttura di San Siro ha retto al meglio. "La doppia prova iniziale della rockstar di Zocca è stata superata a pieni voti: il «vecchio» Meazza non ha tremato sotto la pressione dei sessantamila fan che hanno affollato lo stadio in ciascuna delle prime due date del tour, il primo e il 2 giugno. Il test offerto quest’estate da Vasco non è finito, anzi sarà impegnativo. E non solo perché il precedente più significativo in fatto di vibrazioni fu proprio, sedici anni fa, durante un live del cantante emiliano. Ma anche perché replicherà a breve con altri quattro appuntamenti ravvicinati: il 6 e il 7 giugno, e poi di nuovo l’11 e il 12. I quasi cento sensori sparsi in ogni angolo dell’impianto non hanno però registrato alcuna anomalia in questa due giorni che ha segnato il debutto stagionale della grande musica a San Siro. Anzi, l’ampiezza delle vibrazioni captate dalla rete tecnologica sarebbe stata nell’ordine di un decimo di quelle percepite il 7 aprile. È il giorno della sfida di campionato tra Inter e Atalanta, quando il terzo anello ha traballato di due centimetri abbondanti, da una parte e dall’altra, sotto il peso dei salti dei tifosi".

VIDEO - IBRA NON FINISCE MAI: GOL SPETTACOLARE IN MLS

Sezione: Rassegna / Data: Mar 4 Giugno 2019 alle 11:54
Autore: Mattia Todisco
Vedi letture
Print