Juventus-Inter si disputerà a porte chiuse a causa dell’emergenza Coronavirus: dopo le indiscrezioni, è arrivata l'ufficialità da parte della Lega Serie A. Una decisione che ricade a cascata sui tifosi che hanno acquistato un biglietto per il big match di domenica sera e che non potranno accedere allo stadio per causa di forza maggiore. Con la beffa di non ricevere il rimborso dal club di Andrea Agnelli. Una situazione che ha provocato la reazione del Movimento Consumatori: "A seguito delle azioni e degli esposti del Movimento Consumatori queste clausole – si legge in una nota –, come recentemente affermato dal tribunale di Roma con l’ordinanza del 24 giugno 2019 nell’azione inibitoria del Movimento Consumatori contro la SS Lazio, sono sotto la lente dell’Antitrust e sono state eliminate o modificate da gran parte dei club di Serie A. “Una grande società come la Juventus – afferma Marco Gagliardi del servizio legale di MC – non può non rispettare quanto previsto dal Codice civile e dal Codice del consumo. E’ tenuta a procedere con un rimborso, a realizzare un gesto che non ha soltanto un valore patrimoniale, anche rilevante, considerato il prezzo dei biglietti e degli abbonamenti, ma anche e soprattutto simbolico, di vicinanza nei confronti di una collettività di persone, con in comune la stessa fede calcistica, che sta vivendo un grave momento di incertezza e ansia L’associazione invita pertanto i tifosi a far sentire la propria voce, ad alzare un coro virtuale indirizzato alla Juventus, perché siano garantiti in tempi rapidi i rimborsi".

Sezione: News / Data: Sab 29 Febbraio 2020 alle 10:07
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print