Sentitissima la partita andata in scena la scorsa notte al Maracanà tra Cile e Uruguay, i campioni in carica contro la squadra più titolata. Equilibrata ma straripante di voglia di vincere con quell’alma che solo il calcio sudamericano può esprimere. Ad avere la meglio sono gli uruguaiani con un Cavani che, più forte di tutti gli altri, supera tutti (persino il portiere Arias) e, con un graffio marchio di fabbrica uruguagio, all’82' porta a casa vittoria e primo posto. L’attaccante del Psg raggiunge quota 2 gol segnati pareggiando i conti con Suarez, Everton, Coutinho e Alexis Sanchez che però ieri sera non è riuscito a trascinare la squadra fino in fondo.

A riuscirci, appunto, l’ex Palermo e Napoli che su assistenza di Rodriguez vola più in alto degli altri e di forza schiaccia il pallone sul quale non arriva l’estremo difensore cileno. Assente come da registro Matias Vecino infortunato, al contrario del titolarissimo Diego Godin prezioso come sempre. Non sbaglia un tocco e non concede nulla all’avversario, cala una vera e propria saracinesca blindata dal compagno di reparto Gimenez, con il quale completa alla perfezione la diade difensiva centrale. In campo, ma della fazione opposta, anche l’ex nerazzurro Gary Medel, costretto ad uscire al 55' per un leggero problema muscolare. Anche il Pitbull si rivela prezioso per i suoi, uno dei migliori della Roja. Vince la Celeste e si qualifica prima del girone con 7 punti collezionati con 2 vittorie, un pareggio e 7 reti segnate, secondo miglior risultato della competizione, dopo il Brasile un gradino più sù.

Egle Patanè

Sezione: News / Data: Mar 25 Giugno 2019 alle 07:30
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print