"Siamo un pochino preoccupati dal fatto che con un positivo tutta la squadra dovrebbe andare in quarantena perché questo metterebbe a serio rischio il campionato. Siamo l'unico Paese europeo ad aver adottato questa misura". Il presidente del CagliariTommaso Giulini, sottolinea così a Radio Anch'io Lo Sport la propria contrarietà alla misura adottata dal Comitato Tecnico Sportivo.

Giulini ha invece rimandato il giudizio riguardo all'idea dell'algoritmo come possibile piano C, per stilare una classifica del campionato. "Credo che in questi tre mesi il presidente Gravina abbia fatto un grandissimo lavoro di raccordo, aiutato bene dal presidente Dal Pino, da De Siervo e da Balata. Se ripartiamo dobbiamo gran parte del merito a Gravina, per cui prima di criticarlo cerchiamo di capire di cosa si tratta. Mi riservo di commentare più avanti", le parole del presidente cagliaritano.

Quanto alla questione del ritorno dei tifosi negli stadi, Giulini è per stilare un piano in tempi brevi: ""Non sappiamo bene come e quando sarà possibile far entrare i tifosi, è difficile prevedere quali saranno le normative ed è un po' un peccato perché credo che già da oggi dovremmo iniziare a programmare una riapertura degli stadi. Già in questo weekend in Sardegna le spiagge erano piene, immaginatevi più avanti. Riaprono i teatri, tanti spazi chiusi nei quali sarà possibile accedere. La Sardegna Arena, che è in gran parte all'aperto, non possiamo pensare che possa riaprire al 40-50%? Lo trovo allucinante".

VIDEO - LAUTARO STORY, CHE MAGIE GIA' AI TEMPI DEL LINIERS

Sezione: News / Data: Lun 01 giugno 2020 alle 10:57
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print