"Entrare nella testa di Brozovic? Mi sta chiedendo una cosa importante. Un ragazzo simpatico, un po' il beniamino della squadra per il suo modo di essere...". Parole e musica di Antonio Conte, che durante la conferenza stampa di oggi si è soffermato anche sull'importanza del croato nell'Inter nonostante alcuni cenni di nervosismo quando in campo si ritrova con l'uomo addosso: "Noi lavoriamo con Brozovic e non solo con lui sul discorso del trovare spazio, la giusta posizione e di non innervosirsi se non riesce tanto a toccare palla. L'importante è che riesca a farlo dove gli chiedo di farlo. È fin troppo generoso, come Barella, sono ragazzi che corrono tanto. Quello che chiedo a Brozovic e a tutti i centrocampisti è di ottimizzare la corsa, di trovarsi nella posizione giusta per cercare di essere più efficienti, meno stanchi.

Su questo è migliorato tanto. Abbiamo trovato delle soluzioni se ci marcano Brozovic come è successo con Kulusevski. Non si deve sentire sminuito se il pallone non passa molto da lui. Ha fatto dei miglioramenti importanti in questo anno e mezzo nella fase di possesso e non possesso. Sono contento perché siamo partiti in una maniera e abbiamo un giocatore molto più maturo e centrato. Di lui posso parlare solo bene, solo chi ha la possibilità di lavorarci e parlarci capisce che ragazzo è".

Sezione: News / Data: Sab 13 febbraio 2021 alle 15:06
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
vedi letture
Print