Completato il giro delle interviste mediatiche, Rolando Maran arriva nella sala stampa di San Siro per commentare l'esito della gara contro l'Inter. FcInterNews.it vi riporta le parole del tecnico rossoblu:

Aveva letto la partita bene in conferenza stampa, è un pareggio meritato. Sta ritrovando la squadra di inizio stagione.
"Credo che se diamo continuità ci mettiamo alle spalle un periodo difficile. Penso che questa partita, insieme alla gara di Brescia e al secondo tempo di Coppa, sia un crescendo e indichi la strada che abbiamo preso. Siamo venuti a Milano con personalità, i ragazzi si sono messi a disposizione giocando anche in ruoli non loro. Abbiamo chiuso col  60% di possesso palla, con l'Inter non è mai facile. Ci portiamo via un risultato meritato nel modo in cui volevamo fare".

Su Faragò impiegato da centrale.
"Gli ho chiesto disponibilità, sono contento della sua prova".

Ritrovato lo spirito della squadra che ha sorpreso tutti all'andata?
"Sì e questo è fondamentale. Oggi avevamo sette assenze, con questa situazione è difficile mantenere la stessa intensità. Dobbiamo sempre andare a mille, e ieri in rifinitura vedevo una squadra che andava forte":

Tra la Coppa Italia e oggi due partite diverse, è scattato qualcosa dopo il pari di Brescia? Anche l'Inter un po' sottotono ha contribuito?
"In Coppa Italia la gara è iniziata male, se rincorri subito gli avversari non ne vieni fuori. Credo che da quella sera sia cambiata la testa, in otto giorni non cambiano le gambe. A Brescia abbiamo fatto una buona gara, tirando 27 volte. Oggi si è visto, siamo andati sotto in maniera dubbia secondo me. Ma non è cambiato il nostro atteggiamento, giocando la gara in modo ordinato e questo deriva da un fatto mentale".

Sta rivedendo il miglior Nandez? E Nainggolan può dare la spinta alla squadra?
"Si vedeva che Nandez aveva bisogno di un po' di pausa, veniva da un lungo periodo di attività ed era provato. Ora sta tornando nelle condizioni ideali. Radja per noi diventa quello che va a determinare il modo in cui si interpretano le gare. Ha fatto campionati diversi dal resto della squadra, deve dare quell'input fondamentale per noi. Lui fa tutto questo, oggi gli ho chiesto sacrificio perché doveva spendere di più sul piano fisico e lo ha fatto. Per noi è importante". 

Ha visto un Nainggolan diverso oggi a San Siro?
"Radja vuole sempre vincere e questo è l'aspetto più bello. Non è perché ci fosse l'Inter in campo, ha questo nel Dna"

Su Simeone.
"Ha fatto una gara di grande sacrificio pur cercando la porta. Deve essere sereno, la squadra deve trovare la porta e deve fare le partite con quella generosità".

Perché le proteste sul gol di Lautaro?
"Dal campo ho visto la spinta su Walukiewicz, che fa l'errore di non cadere"

VIDEO - ECCO ERIKSEN! LAMPI IN ALLENAMENTO: SOMBRERO AL VOLO AL COMPAGNO

Sezione: L'avversario / Data: Dom 26 Gennaio 2020 alle 15:08 / Fonte: Dall'inviato a San Siro
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print