Negli ultimi mesi dalla Cina – e non solo – sono rimbalzate le voci più disparate. Sull’Inter, ma anche su Suning. Per capire che informazioni abbiano i media cinesi, FcInterNews ha interpellato in esclusiva Yuan ‘William’ Bi, collega dell’autorevole Titan Sports Plus.

Per voi quale è la reale situazione tra Inter e Suning?
“Penso che le indiscrezioni uscite in Italia siano vicine alla realtà”.

È possibile però secondo lei che la famiglia Zhang disobbedisca al governo cinese e investa i suoi soldi per suo conto?
“Suning è a corto di liquidità. Non hanno soldi da elargire, né tantomeno il governo lo permetterebbe”.

È possibile che Steven Zhang voglia proseguire con l’Inter e che il padre non lo consenta?
“Conta la volontà di suo padre”.

È comunque possibile che la famiglia Zhang non venda e resti al timone dell’Inter?
“Hanno bisogno di soldi per garantire la continuità del club. Tutto dipenderà dai dialoghi con gli investitori, ad esempio BC Partners. Possono ottenere un prestito ma con condizione severe, stile Elliott con il Milan. Altrimenti dovranno cedere la società”.

Per lei quante possibilità ci sono che vendano il club o che decidano di restare? Di che percentuale parliamo?
“Non posso rispondere con chiarezza. Tutto dipende dai dialoghi con gli investitori. Se riusciranno a convincerli per il prestito, non venderanno il club. Ma in ogni caso servono alcuni investimenti per mantenere la società in funzione”.

Cosa significa che lo Stato possa entrare con il 20-25% in Suning? E che conseguenze possono esserci sul fronte Inter?
"Il segnale è chiaro. Suning ha un debito. E deve vendere i suoi asset".

VIDEO - LA CURVA NORD RIACCOGLIE STANKOVIC A MILANO: CORI, FUMOGENI E MEGA STRISCIONE

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 25 febbraio 2021 alle 17:10
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print