Quella di domenica sarà la sua partita, almeno emotivamente. Andrea Pinamonti, attaccante del Frosinone in prestito dall'Inter, affronterà la squadra di cui è tifoso e in cui sogna di poter tornare, magari per poter giocare insieme a Mauro Icardi: "Con Mauro ho un ottimo rapporto anche fuori dal campo - racconta il classe '99 nell'intervista concessa al canale YouTube della Serie A -. Per un ragazzo giovane non è facile arrivare in una città come Milano. Mi ha dato una grande mano perché si è rivisto in me: anche lui quando è arrivato in Italia era giovane e solo, diciamo che mi ha preso sotto la sua custodia. Mi ha dato consigli, mi ha aiutato. Per questo il mio sogno non è prendere il suo posto, ma giocarci assieme". 

IL CAMPIONATO CON IL FROSINONE - "Stiamo facendo il possibile per salvarci, non è facile. La classifica non è dalla nostra parte ma fino a quando non ci sarà la retrocessione matematica dobbiamo continuare a fare il massimo per ottenere la salvezza".

LE GIOVANILI E IL SALTO SERIE A - "Sicuramente l'impatto tra settore giovanile e Serie A è il salto più grosso in una carriera calcistica, non tutti sono pronti. C'è chi ci mette un mese come Zaniolo, chi ci mette un paio d'anni e chi non ce la fa mai. È tutta una questione di caratteristiche dei giocatori, ma anche di testa. La testa fa tanto".

IL CALCIO, IL SUO TRENTINO E L'INTERISMO - "In Trentino non risalta mai la qualità calcistica, ci sono pochi calciatori. Ora ci siamo solo io e De Paoli del Chievo, ma ho sempre avuto questa grande passione. La mia famiglia è sempre stata interista da diverse generazioni, e l'essere interista l'ho preso sicuramente da loro. Ho sempre sognato di essere un calciatore di calcio di alto livello". 

IL TATUAGGIO - "Quello che ho dice 'mai dire mai' perché i limiti, come le paure, spesso sono solo un'illusione".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - PEDRO DE LA VEGA, LA NUOVA PROMESSA ARGENTINA 

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 12 Aprile 2019 alle 14:02
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture