Ci siamo. Gary Medel, con ogni probabilità, saprà oggi con maggior certezza se il suo approdo all'Inter può considerarsi fatto oppure se dovrà ancora attendere. Giornata campale quella che arriva, perché in Galles ci sarà un incontro fondamentale tra l'agente del ragazzo, Fernando Felicevich, e la dirigenza del Cardiff. Dal summit odierno si capirà la volontà del club gallese di venire o meno incontro alle richieste sia del cileno che dell'Inter. A Milano, in attesa, c'è Piero Ausilio: se tutto andrà bene, entro martedì il ds nerazzurro volerà nel Regno Unito per chiudere l'affare.

TRE FATTORI DICONO INTER - ''Il «pitbull» di Pudahuel vuole vestire il nerazzurro e ha già un accordo di massima sul contratto, ma il Cardiff per il suo cartellino chiede 9-10 milioni, accettando la formula proposta dall’Inter che prevede un prestito con obbligo di riscatto, ma a 7 milioni. In questo contesto vanno tenuti in conto alcuni fattori. Intanto la volontà del giocatore, spesso decisiva per forzare la mano a chi ne detiene il cartellino; poi la fresca retrocessione dalla Premier alla Championship del club gallese, costretto a fare cassa; infine l’amicizia che lega Erick Thohir al patron del Cardiff, Vincent Tan”, sottolinea la Gazzetta dello Sport.

OK, IL PREZZO E' GIUSTO - Inutile ribadire che l'ottimismo è grande per la buona riuscita della trattativa e che non ci sono nodi particolari se non quello che riguarda la distanza tra richiesta e offerta, colmabile a metà strada. La sensazione diffusa, infatti, è quella che alla fine il Cardiff cederà per un'offerta intorno ai 7,5 milioni di euro. E così a partire dalla prossima settimana Walter Mazzarri potrà contare su di un altro rinforzo cercato e voluto.

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 18 luglio 2014 alle 08:28
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print