L'edizione online della Gazzetta dello Sport dedica spazio alla ricostruzione della discussione dai toni estremamente accesi avuta dal tecnico Antonio Conte con l'arbitro Fabio Maresca al termine della gara di Udine. "Tensione a mille, all’arbitro è sfuggito più volte un “bisogna sempre accettare, anche quando non si vince”, ripetuto e indirizzato al vice di Conte, Stellini, e al capitano Handanovic che si erano avvicinati a chiedere spiegazioni. Parole che, alle orecchie dei giocatori nerazzurri, sono parse quasi una provocazione. E che infatti hanno contribuito ad aumentare l’incendio, piuttosto che a spegnerlo. Il peggio doveva ancora venire: gli animi si sono ancor più surriscaldati una volta imboccato il tunnel verso gli spogliatoi, tragitto lungo il quale Maresca e Conte si sono di nuovo incrociati. La voce si è alzata parecchio, i due sono arrivati vicini al contatto fisico, evitato solo grazie all’intervento degli altri presenti, giocatori compresi: il rumore di porte sbattute sovrastava il resto, il “sempre tu” di Conte che riecheggiava, sono volati anche insulti pesanti. E in casa Inter c’è adesso il timore per l’entità della squalifica dell’allenatore: bisognerà capire quanto pesante risulterà il referto di Maresca, il rischio è che si vada ben oltre Inter-Benevento di sabato prossimo".

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 24 gennaio 2021 alle 00:25
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print