Intervistato dall'emittente radiofonica uruguagia Sport890, Alvaro Meneses, ex difensore centrale appartenente alla scuderia del procuratore Paco Casal, lo stesso di Alvaro Recoba, ha rivelato che nel suo destino avrebbe dovuto esserci proprio l'Inter: "Durante il mio percorso nelle giovanili del Nacional de Montevideo, arrivai a firmare un contratto di esclusiva con il club nerazzurro. Purtroppo, la cosa non si concretizzò in un trasferimento e l'interesse sfumò. Non ebbi mai modo di parlarne con Casal, mi rimarrà per sempre il dubbio su cosa sia successo. Poi, mi ritirai a 27 anni: mi vidi chiuse alcune porte e mi passò la voglia. Non incontrai nemmeno un club in grado di darmi l'appoggio di cui avevo bisogno", sottolinea il Bombon, oggi allenatore nel club locale dell'Atletico Progresso. 

I fatti raccontati da Meneses risalgono al 2001: il 5 gennaio, il club nerazzurro aveva confermato l'acquisto del giocatore, che avrebbe dovuto diventare un effettivo della squadra che sarebbe diventata di Hector Cuper a giugno. L'operazione fu seguita dal braccio destro di Casal, Daniel Delgado, che aveva completato nei giorni precedenti l'iter per il rinnovo del contratto di Recoba, nell'ambito del quale era stato formalizzato anche il trasferimento di Antonio Pacheco. La somma pattuita tra Inter e Nacional per la cessione del giocatore era di 4 milioni di dollari. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 08 aprile 2020 alle 15:45
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print