Dopo il successo tennistico conquistato dalla sua Inter ai danni del Brescia, Antonio Conte analizza il match di San Siro in conferenza stampa: "Ma, il turnover... Giocando in maniera frequente è inevitabile fare cambi, l'importante è che questi cambiamenti massicci non facciano cambiare la squadra. i miei giocatori sanno cosa fare, in allenamento ho mischiato le squadre per abituare tutti. Ho ricevuto buone risposte, non avevo dubbi su questo perché ho ragazzi con grande cuore e coraggio. Dobbiamo migliorare a livello di testa perché a volte commettiamo delle disattenzioni; io son orgoglioso e contento. Oggi voglio fare un nome, anche se non ne faccio mai: Borja Valero merita un plauso, si è sempre fatto trovare pronto con grande professionalità in tutte le emergenze, nonostante all'inizio non l'abbia mai utilizzato. Ha fatto una partita eccezionale".

Cosa ti aspetti da Sanchez?
"Mi aspetto che migliori, ricordiamo che non l'abbiamo mai avuto quest'anno. Noi abbiamo fatto una stagione solo con Lautaro e Lukaku ed Esposito che però l'anno scorso giocava e non giocava in Primavera. A volte si vede il bicchiere mezzo vuoto, ma nessuno considera che abbiamo avuto solo tre attaccanti a lungo. Avere Sanchez in condizione mi lascia più sereno nelle scelte, come successo col Parma dove ci ha dato una marcia in più da trequartista, perché ha caratteristiche diverse rispetto a Lukaku e Lautaro. Ora deve continuare così".

Qundi Sanchez può avere più spazio?
"Che significa che può avere più spazio? Finora ha giocato tutte le partite. Il problema è che prima non ce l'avevamo... A me viene da ridere quando sento queste cazzate". 

Sanchez fino a Inter-Getafe ti preoccupa?
"Sono problemi che deve risolvere il club. Noi abbiamo fatto a meno di Sanchez per tre quarti di stagione, ovvio che ora che ha raggiunto questi livelli mi piacerebbe averlo fino alla fine. Non posso entrare in discussioni che non mi appartengono". 

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 01 luglio 2020 alle 22:18
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print