In un'intervista concessa ai microfoni di BBC Sport, Nemanja Vidic difende l'operato di David Moyes e spiega come il suo addio dal Manchester United non sia stato causato ai presunti conflitti con l'ex tecnico dei Red Devils: "Non sentirete mai dire qualcosa di cattivo dai giocatori riguardo all'allenatore. Questo dimostra che tutti lo rispettano. Trovandoci in un momento di transizione non siamo riusciti ad adattarci velocemente. Con i risultati deludenti sono arrivate anche le critiche dei media e si è creata tanta pressione intorno a noi e al mister. Non sto dicendo che abbiamo fatto una buona stagione, ma che è stato un periodo duro e che noi come squadra avremmo potuto fare meglio. Abbiamo avuto dei momenti difficili nello spogliatoio, ma non ci sono mai state liti con il tecnico o con i suoi assistenti.

Non abbiamo mai perso la fiducia nei confronti di Moyes, sapevamo che stava tentando di costruire qualcosa di nuovo. Una volta che abbiamo perso le chance di vincere il titolo sapevamo anche che la stagione sarebbe andata perduta. Diventa quindi come un computer quando viene resettato e riparte. Vedrete le luci dall'anno prossimo - assicura Vidic -. Se avessi lasciato lo United pur sapendo del cambio tecnico? So che vi piacerebbe che vi dicessi di no, ma queste decisioni non si prendono da un giorno all'altro. La mia scelta è dovuta alle circostanze".

Sezione: Focus / Data: Mer 14 maggio 2014 alle 08:30
Autore: Daniele Alfieri / Twitter: @DaniAlfieri
vedi letture
Print