"Complimenti ai ragazzi, al mister e allo staff. Sono arrivati a un centimetro dal risultato, e non è un centimetro a fare la differenza". Il direttore del settore giovanile nerazzurro, Roberto Samaden, ai microfoni di InterTV ha parlato in seguito alla finale Scudetto persa: "Bisogna essere contenti, ho fatto i complimenti ai ragazzi: sono una squadra vera, hanno disputato una grande finale contro un'altrettanto grande Atalanta a cui vanno fatti dei complimenti. Forti fisicamente e con tanti valori tecnici importanti: mi ricordano la nostra Primavera dell'anno scorso. Noi non abbiamo sfigurato, abbiamo preso gol nel momento in cui stavamo mettendo in difficoltà l'Atalanta".

Sul percorso compiuto in campionato dalla squadra di Armando Madonna:
"Dopo le difficoltà iniziali, abbiamo dimostrato di avere grande carattere. Anche oggi. E questo è importante, perché nel calcio di oggi oltre alle doti individuali contra anche la mentalità. L'Atalanta ha giocato un grandissimo calcio: bisogna riconoscere i meriti degli avversari, ma anche i nostri. Molti giovani sono stati arruolati. Ci sono anche dei 2002 che hanno disputato una stagione importante, dunque bilancio strapositivo".

C'è qualcuno tra questi giocatori che in futuro potrà rinforzare la prima squadra?
"Il nostro dovere è formare i ragazzi dal punto di vista tecnico e fisico, ma anche dei valori. L'importante è farli crescere in un contesto che li possa portare ad essere pronti, poi sinceramente io faccio fatica: voglio bene a tutti, ci sono diversi di cui sentiremo parlare".

Un giudizio su Armando Madonna?
"Siamo estremamente soddisfatti del suo lavoro: quando con Ausilio e Baccin abbiamo individuato in lui il profilo giusto, ci aspettavamo questo. La nostra squadra, non forte come gli anni passati ma con dei valori, aveva bisogno di un condottiero che la guidasse facendola crescere. Approfitto per comunicare che sarà ancora lui l'allenatore della Primavera l'anno prossimo. Usciamo da questa finale come se avessimo vinto".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - VALENTINO LAZARO, DALL’AUSTRIA A TUTTA FASCIA

Sezione: Focus / Data: Ven 14 Giugno 2019 alle 23:12
Autore: Andrea Pontone / Twitter: @_AndreaPontone
Vedi letture
Print