Per Antonio Conte è quell’acquisto voluto, cercato e mirato da tempo. Per l’Inter un giocatore che fa la differenza. Per i suoi connazionali un campione assoluto. Ma non solo. Arturo Vidal è un calciatore dalle mille risorse. E anche il proprietario del Rodelindo Roman, una squadra di calcio che oggi milita in quarta divisione cilena, nella quale lui stesso da piccolino ha tirato i primi calci. E direttamente da casa Vidal – in esclusiva per FcInterNews – ecco le parole di chi conosce perfettamente il giocatore. Come atleta, uomo e capo. “La prima volta che ho incontrato dal vivo Arturo allo stadio che porta il suo nome è stato nel 2018. Subito mi colpì l’attaccamento alla squadra. E la voglia di fare qualcosa di importante, dentro e fuori dal campo”, racconta Matias Cubillos, ex produttore delle trasmissioni della compagine nata nel 1956. “La prima impressione che ho avuto di lui è che si tratti di una persona che vuole stare vicino ai suoi giocatori. E soprattutto alla sua gente – racconta José Ángel González, l’attuale narratore e 'voce' del club -. Trova sempre il tempo di fare una foto con i tifosi. O di conversare con tutti noi. È un ottimo capo, nessuno ha mai avuto problemi con lui. Non dà pressione ai giocatori e li supporta nel percorso di crescita. Vidal in campo è un leone, un lottatore, uno che non vuole mai perdere. Fuori una persona diversa da come te l’aspetti, un ragazzo spettacolare”.

Uno che ce l’ha fatta, ma non si è montato la testa: “Ogni volta che è qui si allena con i suoi calciatori. Per lui non è stato facile arrivare. E proprio per questo auspica che qualche tesserato della sua squadra ripercorra i suoi passi – prosegue González -. Diciamo che la Municipalidad de San Joaquín non è un quartiere ‘facile’. Ci si può perdere. E il calcio è una valvola di sfogo e una possibilità̀ per imporsi e mostrarsi al mondo in un certo modo”, spiega Cubillos. Ed ecco che i fan della squadra aumentano, vip compresi. “Una volta James Rodríguez ci ha pubblicamente lodato. Che soddisfazione per noi”, ricordano i due protagonisti dell’intervista. Mai forse quando i complimenti sono arrivati proprio da Vidal: “Abbiamo raggiunto standard elevati - specifica Matias -. Sono convinto che quando celebro un gol, se i tifosi del settore opposto a quello dove sono io non sentono la mia voce, significa che non sto facendo al meglio il mio mestiere. Ecco, una volta è successo che al quinto gol del Rodelindo, Arturo si è alzato, mi ha guardato, ha applaudito e poi ha urlato con forza: ‘Così si fa, straordinario. Deve sentirti tutto lo stadio!’", spiega orgoglioso il cronista.

Capitolo Inter. González e Cubillos non hanno dubbi. “La squadra è seguita dai tempi di Ivan Zamorano. In Cile ora tutti sono ancor di più tifosi nerazzurri. Vidal e Alexis Sanchez faranno grandi cose. Marcheranno la differenza. Quando ci sarà̀ lo scontro con la Juventus aspettatevi i fuochi d’artificio, vedrete che lotta con Cristiano Ronaldo! I nerazzurri possono davvero vincere lo Scudetto”. Per un finale da serie Tv: “Arturo e Alexis sono Holly e Benji della realtà̀. Giocano insieme da quando erano ragazzini. E il Tricolore con i nerazzurri sarebbe un finale perfetto della pellicola”. I tifosi della Beneamata saranno sicuramente d’accordo.

VIDEO - ACCADDE OGGI - 30/09/1997: CAPOLAVORO DI MORIERO A NEUCHATEL IN COPPA UEFA

Sezione: Esclusive / Data: Mer 30 settembre 2020 alle 11:24
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print