"Oggi l’Inter ha una proprietà straniera e io sono quello che trasmette i valori e l’identità del club. Il percorso da giocatore è stato chiuso e ne ho iniziato un altro che sembra una sfida incredibile. Dovevo prepararmi. Se non avessi studiato, non sarei andato da nessuna parte. È stato giusto. È un errore pensare che avremo un posto per quello che abbiamo fatto come giocatori. Sono passato dall’essere il più vecchio negli spogliatoi al novellino degli uffici a 40 anni". Lo racconta Javier Zanetti, ex capitano ed attuale vice president dell'Inter, in una lunga ed interessante intervista concessa a El Pais. "Sono un ragazzo molto semplice, vivrei sempre in pantaloncini - racconta Pupi - e sono felice. Non ho mai pensato di essere un allenatore, devi sentirlo. L'importante è porsi una domanda: dove posso contribuire di più? E sono convinto che sia in questa posizione".

Fa paura?
"No. La mia carriera e la mia vita sono state così. Passo dopo passo, tranquillità e umiltà. E ho sempre ricordato da dove venivo. Non ho mai dimenticato tutto il sacrificio fatto dai miei genitori. Per me questo è un orgoglio e mi ha accompagnato per tutta la mia carriera e anche ora. Da nessuna parte è scritto che il successo si ottiene solo con il sacrificio, ma ci sono molti esempi. La cultura del lavoro è fondamentale. Questo è ciò che devi trasmettere ai giovani. Oggi si pensa che tutto sia facile".

A cosa aspiri?
"A sentirmi utile. Ho un ruolo trasversale, mi piace lavorare in gruppo. Il club deve continuare a crescere e il marchio dell’Inter deve essere ampliato. Abbiamo aperto più di 20 Inter Academy in tutto il mondo e ci sono Inter Campus in 29 paesi che sono riconosciuti dalle Nazioni Unite. Questo per me è un orgoglio e una responsabilità. Inoltre, abbiamo progetti in Italia contro il bullismo e il razzismo”.

Perché il calcio italiano è sempre nell’occhio del ciclone sulla questione del razzismo?
"Non penso che sia qualcosa che riguardi solo l’Italia. Devi combattere e combattere. L’Inter è nata come apertura agli stranieri. Sono stato capitano di questo club per anni e sono uno straniero. Devi essere fermo in questi valori ed educare. Non c’è più ricetta. E non essere indifferenti".

 La Serie A è ricomparsa?
"Sono momenti. Ogni paese e ogni campionato ha il suo picco. Negli anni '90, c'erano tutti i grandi giocatori. E ora si sta tornando a quello".

C'è qualche spiegazione economica o sociale?
"Nel nostro caso, il club ha avuto molti cambiamenti. E ora, a poco a poco, vogliamo essere di nuovo protagonisti. Lo sarà anche Milano".

Di cosa hai bisogno per battere la Juve?
"Non guardiamo alla Juve. Guardiamo alla nostra storia e da lì pensiamo a come costruire il futuro. L'arrivo di Conte, aggiunto alle firme di grandi giocatori, è stato molto buono. Siamo all'inizio di qualcosa che può essere importante per il club".

È una benedizione o una punizione condividere un gruppo con il Barça due anni di seguito?
"Va bene, è sempre bello competere con il meglio. Ma abbiamo visto cosa è successo nell'andata: l'Inter ha disputato un'ottima partita e alla fine ha perso".

La spina dorsale di Barcellona è conta i 30 anni. Hai giocato fino al 41. Non dovresti dubitare dei veterani?
"Il comportamento di ciascun giocatore deve essere analizzato. Alcuni possono essere di aiuto per l'allenatore perché resi disponibili o perché fanno crescere i giovani. L'importante è che il giocatore non rivendichi nulla, deve dimostrare di poter giocare per il suo calcio e non per il suo cognome. Fa parte dell'intelligenza del giocatore riconoscere quando lo è.

Cosa ha dato l'arrvo di Cristiano Ronaldo alla Serie A?
"È uno dei giocatori più conosciuti in tutto il mondo e il suo arrivo ha sollevato il calcio italiano. Qualcosa di simile è successo quando Ronaldo è arrivato all'Inter nel '97. Sono quei giocatori che hanno il carisma di sollevare un campionato".

Ronaldo è stato il migliore che ha visto?
"Uno dei migliori. Ho giocato con Messi".

Che posto manterrà Messi nella storia?
"Come uno dei migliori. In un posto dove  Maradona, Di Stéfano, Cruyff, Pelé sono... Stiamo parlando di un giocatore con numeri impressionanti. E non solo, ma li ha fatti per molto tempo".

I due allenatori che ti hanno maggiormente influenzato nella tua carriera, Bielsa e Mourinho, sono ai poli opposti rispetto ai risultati.
"Bielsa ci ha addestrati tutti e ha salvato la serietà con cui ha offerto il suo lavoro. Ci sono molte cose che devono essere messe in scala. Il migliore non è quello che ha vinto di più. Marcelo e Mourinho erano i migliori tecnici che avevo".

Mourinho sostiene i risultati.
"Non credo sia il migliore perché vince. Se non avessimo vinto, penserei ancora che sia un grande allenatore. Ha convinzione, capacità, serietà, professionalità".

Quindi, non capisci le critiche a Mourinho.
"Fa parte del mondo in cui ci troviamo. Si discute di Messi, come si può non discutere di Mourinho? Sembra che nel calcio chiunque sia autorizzato a dire qualsiasi cosa, molto di più nei social network. Devi avere un equilibrio".

Lei va d'accordo con le critiche?
"Non sono mai stato interessato, né buono né cattivo. Sai cosa fai e come lo fai. Questa è vera tranquillità. Non avevo bisogno di una recensione positiva per sapere che avevo giocato bene".

Sezione: Copertina / Data: Lun 9 Dicembre 2019 alle 13:40 / Fonte: El Pais
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print