Nell'immediata vigilia di Inter-Juventus, Beppe Marotta parla ai microfoni di Sky. Ecco le dichiarazioni dell'ad nerazzurro.

Nell'Inter di oggi vede qualche punto di contatto con la sua Juve?
"Oggi posso parlare solo dell'Inter. L'Inter è una squadra delle più importanti al mondo, parla la sua storia. C'è stato un periodo di transizione e vogliamo ritornare in alto, questa sfida ha un valore importante in termini di prestigio. Abbiamo un obbligo verso i tifosi: dare il massimo e fare risultato".

Questioni societarie: ci sono aggiornamenti? La squadra è condizionata dalle voci?
"Tranquillizzo tutti: l'Inter andrà avanti nella sua stabilità e tutti si stanno adoperando per garantire tranquillità. Non siamo in una situazione di allarme, la società sta valutando e compete solo a loro, io non posso esprimere alcun parere. Giusto che la proprietà agisca nel migliore dei modi".

Conosce il testo del discorso di Conte alla squadra per stasera?
"No, non lo conosco. Posso dire che noi, come dirigenza, siamo stati vicini alla squadra, vedendo intensità: sono certo che sarà una gran bella partita da parte nostra. Per il resto, ci sono discorsi che ormai si conoscono".

È la partita più sentita per voi?
"L'ho detto prima: partita ancora interlocutoria per la stagione, ma riveste un ruolo importante per il prestigio. Tutti i nostri tifosi aspettano di gioire e vedere la squadra con un gioco bello e redditizio. Ma restano tante partite da giocare e spesso si scivola sui campi in cui si viene dati per super favoriti. Stasera interessa anche la prestazione".

Mercato: su Eriksen si sta muovendo qualcosa dalla Premier League? Nel caso, sarebbe sostituito?
"Abbiamo recepito le linee guida della proprietà, quindi non c'è da aspettarsi nulla di importante. Questo è un gruppo che va rispettato, di conseguenza c'è tanta probabilità che si possa andare avanti così. Ausilio sta lavorando su Eriksen e quando ci sarà qualcosa di concreto saremo i primi a informarvi".

Sezione: Copertina / Data: Dom 17 gennaio 2021 alle 20:36 / Fonte: SkySport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print