Prova arbitrale poco convincente di Luca Pairetto in Inter-Bologna, secondo i colleghi della Gazzetta dello Sport. Che, come al solito, hanno passato sotto la lente di ingrandimento i casi da moviola più eclatanti della gara. "È grande la confusione sotto il cielo di San Siro per Inter-Bologna", si legge in avvio di articolo. "Al 41’ il primo giallo per Bastoni, che ci sta per un mani volontario, non per il fallo su Orsolini. Al 50’ dubbi sul fischio a Tomiyasu sulla fascia per fallo su Young, ma l’inglese apre la gamba in protezione sulla corsa del giapponese. Al 51’ mani grosso come una casa di Denswil a centrocampo: Pairetto è lì e non fischia. Il caso al 57’: il direttore di gara fischia un fallo non a Soriano su Gagliardini e il rossoblù protesta. «Mi ha detto ‘sei scarso’» dirà poi Pairetto a giustificare un rosso diretto eccessivo. Sia chiaro, non è un complimento, ma la sensazione è che riprendere il giocatore con fermezza e un giallo per proteste potessero bastare. Al 62’ corretto il rigore all’Inter per il fallo di Dijks che sgambetta in area Candreva. Sul finale girandola di gialli e non tutti convincono: il più duro al 77’ a Bastoni, l’Inter resta in 10, per un’imprudenza su Juwara". 

Sezione: Rassegna / Data: Lun 06 luglio 2020 alle 08:35
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print