"Potrebbe avere un epilogo più rapido del previsto la trattativa tra Suning e Bc Partners per la cessione della maggioranza del club nerazzurro". Anche Tuttosport oggi affronta il tema societario e conferma: "Con il passare dei giorni sembra questa la prospettiva più concreta: il passaggio di una quota superiore al 51% dell'Inter. Le parti sottolineano che la negoziazione è ancora in una fase preliminare. I manager del fondo di private equity londinese, guidati dal greco Nikos Stathopoulos, stanno effettuando la due diligence. Ma, secondo indiscrezioni concordanti, difficilmente ci si limiterà alla vendita della minoranza del club nerazzurro". 

Al contempo, la componente cinese "potrebbe restare al massimo con il 31% di Lion Rock Capital - spiega TS -. La società finanziaria, entrata nell’Inter due anni fa, essendo basata tra Hong Kong e le Isole Cayman, avrebbe meno difficoltà a muovere capitali fuori dalla Cina. Una limitazione che attanaglia in modo sempre più serio Suning, rendendo ancora più fosco lo scenario già nebuloso per la crisi economica legata alla pandemia. Lo dimostrano gli stessi documenti predisposti dal club nerazzurro, insieme alla banca d’affari Jp Morgan, per promuovere il collocamento del bond da 75 milioni emesso dall’Inter a luglio dello scorso anno". Il riferimento del quotidiano torinese è alle "avvertenze" che si trovavano nella sezione dedicata ai rischi finanziari per gli investitori, tema comunque vecchio di mesi e da prendere con le molle, perché comune a questo genere di memorandum.

Ma è chiaro che le restrizioni recenti del governo cinese abbiano frenato la voglia di Suning di investire nell'Inter. Da qui i problemi in parallelo con quelli causati dalla pandemia. "Per questo l’operazione con Bc Partners potrebbe essere conclusa nel giro di pochi mesi, prima della fine di questa stagione. Si ragiona su una valutazione di un miliardo di euro che inevitabilmente deve tenere conto della situazione di crisi economica generale - sottolinea Tuttosport -. Poi il fondo londinese dovrà occuparsi di altri dossier fondamentali, come la ricerca dello sponsor principale chiamato a sostituire Pirelli. Sembrava quasi fatta per Hengchi, impresa di auto elettriche del gruppo Evergrande. Ma anche in questo caso bisogna ponderare le ripercussioni delle nuove linee del governo cinese. Poi c’è la questione stadio. Ma su questo punto potrebbe esserci più tempo perché sembra ormai chiaro che se ne occuperà la prossima giunta di Palazzo Marino, visto che le elezioni comunali a Milano sono sempre più vicine".

VIDEO - L'INTER PARTE PER FIRENZE: QUALE FORMAZIONE PER DOMANI?

Sezione: Rassegna / Data: Mer 13 gennaio 2021 alle 09:36 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print