Il Corriere dello Sport la chiama "La Grande Bruttezza", ossia questo momento opaco nel quale è piombata l'Inter. con il caso Icardi a sconquassare l'ambiente producendo una guerra intestina. Secondo il quotidiano romano, Luciano Spalletti non è stato in grado di gestire lo spogliatoio in maniera adeguata e si sono cominciati a perdere punti anche a causa dell'assenza di una risorsa importante come l'ex capitano. "Al fiasco de La Grande Bruttezza hanno contribuito anche le recite horror degli attori-calciatori, elementi con poca personalità e zero attitudine a giocare (e vincere) partite importanti - si legge -. Nello spogliatoio di Appiano, Icardi non era ritenuto un leader, ma il suo sostituto, il “nemico” di Maurito, Ivan Perisic, dopo qualche lampo, è tornato sugli standard di rendimento scadenti di inizio anno. «Mi aspettavo più maturità e più personalità» ha detto riguardo alla prestazione contro l’Eintracht Spalletti, il cui addio a fine stagione è certo a dispetto del contratto fino al 2021. Stessa sorte toccherà ad alcuni calciatori. I tifosi iniziano a essere stufi e a preoccuparli c’è anche la condizione fisica deficitaria: la sosta darà una mano, ma nell’ottica di una caccia al terzo/quarto posto in corso Vittorio Emanuele l’eliminazione dall’Europa League non è stata etichettata come una tragedia. Anzi... Meglio sacrificare qualcosa nel presente per avere, in futuro, i milioni della Champions. Per centrare l’obiettivo serve però un riscatto nel derby di domani, un match che l’Inter non può perdere, pena il -4 dal Milan e il possibile aggancio della Roma al quarto posto. Con Icardi sarebbe stato più facile respingere l’assalto e invece Maurito rimarrà a guardare".

VIDEO - TRAMONTANA NE HA PER TUTTI: NON SI SALVA NESSUNO

Sezione: Rassegna / Data: Sab 16 Marzo 2019 alle 08:54 / articolo letto 6146 volte / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni