Questa sera, alle 18, andrà in scena al Campus di Humanitas University la presentazione ufficiale del libro "Medico del calcio – il Manuale" scritto dal dottor Piero Volpi, responsabile medico dell’Inter. Il volume, firmato insieme ai migliori esperti del settore, fa il punto sulla materia per la prima volta dopo 30 anni, con attenzione anche al ruolo della prevenzione: "Si tratta di un’area in cui il Medico dello sport deve agire con grande intensità e capacità, perché attraverso la conoscenza specifica della gestualità tecnica, delle metodologie di allenamento, dei ritmi e dei carichi degli impegni tecnici e atletici tipici delle gare e degli allenamenti è possibile cercare di ridurre l’incidenza di patologie e infortuni. Solo mantenendo in buone condizioni di salute la propria rosa di giocatori sarà possibile raggiungere i traguardi prefissati a inizio stagione". 

Il dottor Volpi ha anche una missione da portare a termine: "Il calcio è un mondo che permea la vita della maggior parte degli italiani e che spesso viene preso ad esempio. Per questo credo molto nell’importanza di creare e diffondere all’interno di questo settore una vera e propria cultura della salute e del benessere e di sanità che, a cascata, possa avere un effetto positivo su tutti i livelli dello sport, incluso quello giovanile e amatoriale, sia maschile sia femminile. La medicina può essere quell’elemento che consente di arricchire tutto il mondo sportivo, portando con sé degli impatti positivi anche nell’evoluzione dei percorsi formativi e professionali delle figure coinvolte nel settore, basti pensare ad esempio ai fisioterapisti. Accanto a questo nostro traguardo imprescindibile – chiosa l’autore – se ne aggiungono altri: la lotta al doping, all’abuso di farmaci leciti e la necessità di una concreta prevenzione, ancora troppo poco compresa nella sua reale importanza".

VIDEO - CASSANO TORNA IN CAMPO, IL FIGLIO LO INCITA E LUI DISTRIBUISCE ASSIST AL BACIO

Sezione: News / Data: Gio 11 Ottobre 2018 alle 17:26 / articolo letto 1654 volte
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari