Durante la conferenza stampa di addio alla Roma, Francesco Totti è tornato anche sulla punizione inflitta all'interista Radja Nainggolan dopo i noti fatti di capodanno ai tempi giallorossi: "Ho preso una posizione forte perché la maggior parte dei dirigenti non voleva dare una punizione forte. Nelle altre società forti, e non faccio nomi, non succedono queste cose. Quando uno sbaglia deve pagare, se no gli altri si accodano - spiega l'ex dt della Roma -. Chi sbaglia paga: puoi essere anche Messi o Cristiano Ronaldo, chi ti pare. Nello spogliatoio ci deve essere rispetto reciproco. Senza di quello, non vai da nessuna parte".

Sezione: News / Data: Lun 17 giugno 2019 alle 15:36
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
vedi letture
Print