Vincenzo Italiano, tecnico del neopromosso Spezia, parla alla Gazzetta dello Sport delle sue idee di calcio e della Serie A attuale.

Italiano, è soddisfatto di quanto sta facendo lo Spezia?
"Stiamo crescendo, nella partita con l’Atalanta siamo stati concentrati dall’inizio alla fine. In Serie A ti possono castigare in ogni momento. Contro Sassuolo, Milan e Juve dopo un’ora siamo calati, contro l’Atalanta è andata diversamente. Noi vorremmo sempre avere in mano il pallino, in B eravamo secondi per possesso palla, ma in A non si può. Bisogna adattarsi. In C il mio Trapani giocava molto verticale recuperando la palla in avanti, in B lo Spezia aveva una manovra più ragionata e avvolgente. In A bisogna mediare, ma per la qualità degli avversari credo sia meglio essere aggressivi, togliere tempo e spazio. L’allenatore deve essere pronto ad adattarsi a tutto, anche senza cambiare il sistema di gioco".

La linea difensiva così alta serve anche a dare autostima?
"Se teniamo gli avversari lontano dalla nostra area, corriamo meno rischi. E i giocatori ne sono consapevoli".

La costruzione dal basso è necessaria anche quando rischiosa?
"Se mando la palla avanti a caso, dopo pochi secondi corro un pericolo. Se c’è lo spazio, bisogna sempre giocare".

Il motivo per cui le provinciali, rispetto al passato, cercano di più il possesso è che le distanze dai top club sono aumentate e “giocare di più” è l’unica strada per opporsi al loro talento?
"La penso esattamente così. Se continui a consegnare la palla ad avversari che hanno molta più qualità di te, starai sempre in trincea. L’unico rimedio è tenere il pallone, gestirlo".

Quella contro la Lazio sarà l’ultima partita a Cesena, poi tornerete a La Spezia.
"Meno male: ogni volta dobbiamo fare 3 ore di pullman per andare a Cesena. Ci è mancato il senso di protezione che ti dà il tuo stadio pur senza pubblico".

Con Galabinov siete più incisivi, con Nzola giocate meglio: concorda?
"Sono profondamente diversi: Galabinov è più cinico, Nzola è più dinamico e attacca la profondità in maniera diversa".

Sezione: News / Data: Mar 24 novembre 2020 alle 13:59 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print