"Ieri è arrivata una boccata d'ossigeno per il calcio: abbiamo una data e ci si può organizzare per quella data. Al di là di questo, non sembra che ci siano state tante novità. I punti interrogativi esistono, come quello della quarantena". Lo ribadisce Enrico Castellacci, presidente dei medici di calcio italiani ed ex medico della Nazionale, procedendo a spiegare i punti critici del protocollo approvato per la ripartenza della Serie A: "Se il Bologna ad esempio avesse avuto un caso positivo sarebbe andato in un ritiro blindato. Ma se questo dovesse succedere a inizio campionato, con le norme fissate in questo momento, la competizione finirebbe. Bisognerebbe rimuovere questo punto del protocollo: se si abbassa la quarantena a 7 giorni si potrebbe andare avanti con la Serie A" le sue parole sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli.

Sezione: News / Data: Ven 29 maggio 2020 alle 14:26 / Fonte: tuttonapoli.net
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print