"Mio nipote ha firmato con l'Inter come portiere, ha 15 anni, nelle giovanili. Il suo cognome è Basti, è il figlio di mia sorella. Lui prima era a Cesena, poi ha giocato a Ravenna, aveva avuto due-tre proposte interessanti, poi è stato a Milano per un provino, sono rimasti contenti. A quell'età lì devi giocare per divertirti. Tifare in famiglia non sarebbe male". Lo ha detto Marco Melandri, campione del mondo di motociclismo della classe 250 nel 2002, nel corso di un'intervista rilasciata a Dazn.  

L'Inter, che è la squadra per cui simpatizza Marco: "Perché l'Inter? Perché con le squadre che vincono è troppo facile. Tutti tifavano sempre chi vinceva, era scontato. A me piace soffrire. E poi Zanetti mi è sempre piaciuto".

E proprio il vice presidente dei nerazzurri è uno dei personaggi che Melandri spera di coinvolgere in un altro progetto della sua seconda vita: "Vorrei provare a portare in moto Javier Zanetti, nelle piste più piccoline, dove non c'è confusione. E' una cosa che mi piacerebbe fare portare in pista personaggi che non c'entrano con il mondo delle moto. Mi piacerebbe portare anche Vieri e Marchisio, o personaggi come Nek ad esempio, che è un grande appassionato. A marzo porterò Ignazio Moser".

Sezione: News / Data: Mar 18 Febbraio 2020 alle 18:30 / Fonte: Goal.com
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print