Domani, giovedì 1° marzo, salvo sorprese dell'ultimissima ora, Luca Lotti, ministro dello sport, firmerà i decreti completando la nuova legge 'Melandri' sui diritti tv. In questo modo - si legge su Repubblica.it - la quota fissa passa dal 40 al 50 per cento, poi c'è una quota del 30 per cento sulla base dei risultati sportivi conseguiti e infine una quota del 20 per cento sulla base del cosiddetto radicamento sociale.

Alla fine, contrariamente a ciò che si temeva, è stato trovato un modo per non penalizzare troppo le grandi società, pur venendo incontro a quelle medio-piccole che avranno un sensibile vantaggio: niente stangata, quindi per le big che dovrebbe contenere le perdite (La Juve, per fare un esempio, dovrebbe comunque prendere circa 15-10 milioni in meno). 

Sezione: News / Data: Mer 28 febbraio 2018 alle 17:08
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
vedi letture
Print