Il Senato francese ha bocciato l'emendamento che avrebbe potuto consentire alla Lfp, la Lega Calcio locale, di riprendere i campionati, decretando una nuova sconfitta per il presidente del Lione, Jean-Michel Aulas, che guida la battaglia contro la decisione di chiudere anticipatamente i tornei. L'emendamento, firmato da 72 senatori, proponeva di lasciare alle Leghe la scelta di autorizzare la ripresa delle competizioni "dopo il parare del comitato scientifico" e secondo un "protocollo sanitario adattato". Nel dibattito in Senato, si è espressa anche - ovviamente in senso contrario all'emendamento - la ministra dello Sport, Roxana Maracineanu: "Adottare questo emendamento sarebbe fonte di confusione".

Per Aulas, la strada di un emendamento da far approvare nell'ambito di una legge è ormai chiusa, dal momento che il testo, già adottato il 15 maggio dall'Assemblée Nationale, non farà ulteriori navette fra i due rami del parlamento. Al presidente del Lione resta soltanto la strada della giustizia amministrativa: il 4 giugno il Consiglio di Stato dovrebbe esaminare il ricorso del Lione contro la decisione di fermare i campionati e contro i criteri per stabilire la classifica finale, che lasciano il Lione al 7/o posto e fuori dalle coppe europee, come non succedeva da 20 anni.

VIDEO - 27/05/1964: MAZZOLA INCANTA, MILANI BOMBARDA: L'INTER E' CAMPIONE D'EUROPA

Sezione: News / Data: Mer 27 maggio 2020 alle 21:21
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print