L'ex diesse di Fiorentina e Lazio Cinquini, ora membro dello staff di Capello in Russia, ha attaccato l'Inter per il caso Sneijder: "Non si può fare un discorso del genere. Mi sembra un mobbing troppo chiaro - ha spiegato a Radio Sportiva - Credo che la vicenda sia stata gestita in maniera poco professionale. Conosco personalmente Moratti e non credo che condivida questa esternazione fatta da qualcuno che non attacca la spina al proprio cervello.

Quando si firma un contratto diventa vincolante sia per il club che per il giocatore, quindi va rispettato. Oltretutto il vero Sneijder potrebbe anche servire a questa Inter", le parole del dirigente. L'ipotesi di mobbing, lo ricordiamo, è stata comunque smentita nei giorni scorsi da alcuni esperti di diritto sportivo. 

Sezione: News / Data: Mer 28 novembre 2012 alle 13:00 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Mario Garau / Twitter: @MarioGarau
vedi letture
Print