Umberto Calcagno, presidente dell'Assocalciatori, ha parlato ai microfoni di Gr Parlamento nel corso de 'La Politica nel Pallone' della riforma della Champions League praticamente anticipata dal presidente dell'Eca Andrea Agnelli all'inizio dei lavori dell'odierna assemblea: "Il progetto per la nuova Champions? È un processo irreversibile, perché può generare nuove risorse solo la parte apicale. Il fatto che la Champions generi nuove risorse è un bene per tutti, mi auguro vengano redistribuite. La nuova organizzazione sarà un momento fondamentale che condizionerà un'intera generazione. Ma a noi preoccupa il problema dei calendari, perché i top player rischieranno di non poter essere utilizzati, come a noi piacerebbe, all'interno dei campionati nazionali. Dobbiamo preservare l'equilibrio non solo economico ma anche sportivo: avere una Champions con tantissime partite, unite alle competizioni delle nazionali, è un rischio. Deve essere un interesse condiviso".

Sezione: News / Data: Lun 08 marzo 2021 alle 16:07
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print