Ospite di 'Tutti convocati', in onda su Radio 24, Andrea Bocelli, tenore di fama internazionale e storico tifoso dell'Inter, ha parlato dell'avvio di stagione della squadra di Antonio Conte, a due giorni dallo stop in Champions con lo Slavia Praga: "Quello che mi chiedo è questo: se Lukaku ha mal di schiena, perché non metti qualcuno forse meno forte ma che almeno stia bene? Se lo hanno schierato lo stesso, mi viene da pensare che ci siano questioni di contratti di mezzo - dice -. In ogni caso, i nerazzurri hanno bisogno di tempo. Una squadra di calcio è come la scuola, non si può pretendere che appena arrivato con la bacchetta magica faccia la differenza, i giocatori devono anche andare d'accordo, vedi il diverbio Lukaku-Brozovic."

Bocelli, in seguito, spende parole al miele per Conte: "Ha il talento di un direttore di orchestra, vorrei incontrarlo per capire un po' anche l'uomo".

In coda alla chiacchierata, il tenore veste i panni del tifoso di fronte alla domanda sulla possibilità di abbattere San Siro paventata dai due club milanesi: "Io sono un nostalgico, mi piacerebbe che Inter e Milan giocassero sempre alla Scala del calcio, però capisco anche che ci siano esigenze economiche dei club". 

Sezione: News / Data: Gio 19 Settembre 2019 alle 17:01
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print