"Siamo alla resa dei conti per quanto concerne lo scudetto perché il distacco è notevole e per quest'anno la squadra non ha più speranze. La mentalità vincente che Conte non avrebbe dato? Bisogna fare i conti con quel che può esserci dentro la squadra. Per me l'Inter è stata costruita bene ed è forte. Ausilio e Marotta sono due dirigenti tra i più importanti in Italia". Sono queste le prime considerazioni dell'ex interista Giovanni Bia, che all'indomani del ko col Bologna, esprime le sue considerazioni sulla stagione dell'Inter ai microfoni di TMW.

Non serve una rivoluzione nella rosa?
"Ad inizio anno pareva che Conte fosse contento della rosa che aveva, adesso bisognerà fare delle valutazioni interne per capire cosa c'è che non va. Non credo l'Inter si aspettasse di essere in questa posizione dopo gli investimenti fatti". 

Eriksen ancora in difficoltà...
Per me resta straordinario, è un gran talento. Bisogna dargli tempo di ambientarsi. Gli stranieri, in particolare chi non è un attaccante, fanno più fatica di altri. Basti ricordare, andando indietro nel tempo, Platini". 

Sezione: News / Data: Mar 07 luglio 2020 alle 02:30
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print