"Il mio pensiero è affettuoso nei confronti della famiglia, che ha passato un periodo difficilissimo. Ha avuto una tempra incredibile nel resistere tanto. Mi dispiace tantissimo. Ha vinto una coppa importante e avrebbe vinto anche un campionato se non ci fosse stato quell'episodio. Lo ricordo con tanto affetto". Ai micorofoni di TMW Radio, Massimo Moratti ricorda così Gigi Simoni, ex allenatre dell'Inter scomparso nelle ultime ore. 

Il discorso si concentra anche sull'annata del 2010, dato che oggi sono 10 anni esatti dalla conquista della Champions League: "Paolillo e Branca lavorarono con molta umiltà, cercando di arrivare all'obiettivo con un atteggiamento che stimo. Per tanti anni hanno avuto soddisfazioni. Branca è stato fondamentale - sottolinea l'ex patron -. Snejider? Mourinho ha esagerato quando abbiamo preso Quaresma, altrimenti non mi chiamò mai per un giocatore. Branca seguiva sempre giocatori di altissimo livello come Sneijder. E riuscimmo a portarlo a casa".

La chiosa è dedicata all'addio del tecnico portoghese: "Si era capito che sarebbe andato via ma puntavo a vincere la Champions e non ho voluto rompere l'incantesimo di quel momento. Abbiamo puntato sul momento ed è andata bene. Era normale che desiderasse vedere di vincere anche in Spagna".

VIDEO - SIMONI, QUANDO MORATTI OMAGGIO' IL TECNICO: "IL '98 E' UN CAMPIONATO VINTO"

Sezione: News / Data: Ven 22 maggio 2020 alle 15:26 / Fonte: TMW
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print