Inter letteralmente scatenata sul mercato. Secondo tutti i tre principali quotidiani sportivi, infatti, i nerazzurri stanno accelerando su più obiettivi, non paghi del colpaccio Kondogbia. E, a quanto pare, il primo della lista è Mohamed Salah, attaccante esterno (ma non solo) che tanto piace a Roberto Mancini.

In particolare, secondo quanto riferisce il Corriere dello Sport, Erick Thohir stesso si sarebbe messo al lavoro per regalare l'egiziano al proprio allenatore. La storia è nota: Salah ha chiuso lo scorso anno in prestito alla Fiorentina per sei mesi, rivelandosi un grandissimo giocatore. Il club toscano vorrebbe trattenerlo un altro anno, come da accordi, e infatti ha già versato l'altro milioni di indennizzo al Chelsea. Il problema è che l'accordo potrebbe saltare solo in un caso, ossia se lo stesso giocatore volesse cambiare aria. E, in effetti, Salah pare orientato a non rimanere a Firenze, magari respirando un'aria di smobilitazione dopo l'addio di Montella e, soprattutto, perché allettato dalle tante offerte arrivate al proprio entourage. Su di lui, oltre all'Inter, anche gli occhi di Roma, Atletico Madrid e Milan.

La novità, come si diceva, è proprio la volontà diretta di Thohir di imbastire la trattativa (già avviata dalla sua dirigenza) e chiuderla con il dirimpettaio Roman Abramovich. "Per questo il patron si è “speso” in prima persona e ha parlato con Roman Abramovich per l’operazione Mohamed Salah, La trattativa è complicata, ma l’Inter ci crede - conferma il Corriere dello Sport -. L’egiziano può arrivare in prestito con obbligo di riscatto, una formula ideale per il bilancio nerazzurro. In caso di no alla Fiorentina, l’egiziano rientrerà al Chelsea che lo farà partire ma solo in prestito con obbligo di riscatto e a una cifra più alta rispetto all’attuale (la richiesta sarà di 22-23 milioni). Come alternative l’Inter tiene sempre in considerazione anche Cuadrado e Perisic". 

 
 

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 22 Giugno 2015 alle 08:30 / articolo letto 39757 volte / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni