Netta presa di posizione da parte della Gazzetta dello Sport sulla questione della presunta volontà da parte della famiglia Zhang di vendere l'Inter. Attraverso il direttore Stefano Barigelli, la rosea non utilizza giri di parole e attacca l'indiscrezione bollandola come fake-news. Ecco alcuni passaggi dell'intervento di Barigelli:

"Nel campionato più imprevedibile degli ultimi anni può succedere anche questo: il club favorito per lo scudetto secondo i bookmakers, cioè l’Inter, sarebbe improvvisamente sul punto di essere venduto. Non è così che stanno le cose, ma la cattiva informazione fa danni anche quando non è credibile - attaccata il direttore della Gazzetta -. Per affrontare il nodo della liquidità l’Inter ha pensato, innanzitutto, di rivolgersi al mercato attraverso il finanziamento con un bond (obbligazione) o con l’ingresso di un nuovo socio, questa seconda ipotesi in subordine alla prima, anche perché non è facile da trovare qualcuno disponibile. All’origine di tutto c’è il governo cinese che sta ripensando la propria strategia sugli investimenti esteri, ma la famiglia Zhang ha messo cifre importanti nell’Inter e non ha alcuna intenzione di mollare. Comunque non proprio ora, tra l’altro, che la squadra è tornata stabilmente a lottare per lo scudetto. Non c’è alcun advisor a cui è stato dato un mandato a vendere. Operazione tra l’altro molto più che complicata. Questa la situazione. E’ il momento della stabilità, non della fuga. Sul come e sul perché un’informazione correttamente riportata dal Sole 24 Ore (rifinanziamento con i bond) si sia trasformata in una cessione c’è da riflettere. Diciamo che Milan e Inter al comando dopo una decina d’anni che non si vedevano così in alto danno fastidio a tanti. Le intenzioni della famiglia Zhang sono chiarissime: tenersi l’Inter, allineando i costi (in primis gli ingaggi dei giocatori) ai nuovi ricavi".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 05 gennaio 2021 alle 10:42 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print