Stefan de Vrij è il protagonista condotta da Inter Media House per PPTV Sports, la piattaforma televisiva del gruppo Suning. Il difensore olandese racconta alcuni aneddoti di sé e della sua esperienza in nerazzurro:

Come si pronuncia il tuo cognome? E cosa significa il 'Van' di molti cognomi olandesi?
"La pronuncia giusta è 'De frei', e significa 'il libero'. Nei Paesi Bassi il Van indica il 'Da'".

Hai abitato a Roma, Milano e in altre città. Qual è il tuo posto preferito di ogni città e qual è il tuo cibo preferito?
"Domanda difficile, perché mi sento a casa a Milano ma anche Roma è una città sorprendente, dove sono stato benissimo. Forse il posto preferito è il Colosseo, bellissimo: ogni volta che andavo lì rimanevo impressionato. Cibo preferito? Pasta al pesto".

Un tuo commento sulla stagione di Bastoni? Che messaggio vuoi mandargli?
"Prima di tutto devo dire che Bastoni è un ragazzo straordinario, divertente. E' ancora molto giovane ma ha saputo esibirsi ad alti livelli. Ha molto potenziale, gli dico di continuare a lavorare su se stesso e migliorare ogni giorno per trarre il meglio di sé".

Che allenatore è Conte?
"Mi piace molto, è molto forte tecnicamente. Sa come preparare molto bene le partite e come preparare per noi. La sua mentalità è impressionante, è un vincente nato che odia perdere. E sa trasmettere quei sentimenti ai calciatori".

Cosa hai fatto durante la pausa per la pandemia oltre all'esercizio fisico?
"Siamo stati costretti a fermarci per via del Covid-19 per parecchi mesi. Per restare in forma abbiamo fatto esercizi e programmi individuali. Oltre a questo, ho letto, visto film, letto dei libri... Non c'era altro da fare".

Come valuti la tua stagione?
"E' andata molto bene, ogni giorno ho cercato di migliorare me stesso. Penso di fare ancora meglio nelle prossime stagioni".

Hai insegnato tu l'italiano a De Ligt? Vi vedete spesso?
"Sta prendendo lezioni, credo lo faccia ancora adesso... Con lui si è creato un buon rapporto dal primo giorno in cui ci siamo incrociati in Nazionale, adesso siamo in un Paese diverso; a volte andiamo a cena insieme o facciamo qualcosa insieme. Si è creata una bella amicizia".

Lukaku è un genio per le lingue?
"E' molto bravo, già parlava francese e spagnolo quindi era un po' più facile; ma è stato impressionante per la velocità con la quale ha iniziato a esprimersi in italiano. Penso sia davvero un genio".

Hai tanti tifosi in Cina.
"Li ringrazio per il loro sostegno. L'anno scorso abbiamo visto noi stessi quanti siano, per cui li ringrazio. E' stata un'annata speciale e indimenticabile".

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 10 agosto 2020 alle 12:58
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print