Direttamente da Trento, dove ieri è stato ospite speciale del Festival dello Sport per parlare di Italia e di azzurri, Antonio Conte ha ripetuto il solito mantra sulla sua Inter che deve affrontare un lungo viaggio verso il ritorno al successo: "Siamo all’inizio di un percorso, stiamo cercando di creare delle basi per costruire qualcosa di importante - le sue parole riportate stamane dalla Gazzetta dello Sport -. Vogliamo un’Inter che duri nel tempo, non qualcosa poggiato sul niente. Su questo bisognerà lavorare, avere pazienza. D’altronde Roma non è stata costruita in un giorno. Veniamo da tanti anni in cui non siamo stati protagonisti, è inevitabile che ci sia la voglia di essere importanti ma dobbiamo sapere che c’è un percorso da rispettare e abbiamo iniziato a percorrerlo. Dobbiamo lavorare al di là del fatto che abbiamo perso con la Juve e che la partita abbia dimostrato alcune cose. Questo all’Inter non deve assolutamente importare".

Passando all'attualità, domenica c’è il Sassuolo, la prima delle 7 partite in 21 giorni con il clou delle due sfide da dentro-fuori in Champions con il Dortmund. La sosta restituisce ad Antonio un Lukaku di nuovo in gol e più allenato ma anche i k.o. di D’Ambrosio e Sanchez: "Valutare adesso come ripartiremo è difficile – ammette il tecnico nerazzurro –, dobbiamo lavorare tutta la settimana e vedere quali potranno essere le problematiche fisiche. Lukaku che sta bene è importante. Ma serve avere tutti al meglio. Alcuni sono entrati in forma un po’ prima, altri sono indietro. L’importante è che tutti vogliano trovare il top della condizione". 

VIDEO - COLOMBIA-CILE, CHE BATTAGLIA: SANCHEZ SI FERMA DOPO UN'ENTRATA DI CUADRADO

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 14 Ottobre 2019 alle 08:15
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print