Direzione di gara tutt'altro che convincente quella dell'olandese Kuipers, salvato (ma non sempre) dal Var Makkelie. Lo spiega la Gazzetta dello Sport nel consueto box moviola. "Al 25’ ad esempio Embolo duro su D’Ambrosio avrebbe potuto meritare un’ammonizione che non arriva. Il primo caso al 60’: in area Vidal aggancia Thuram che va a terra. Kuipers si piega per vedere ma decide che non c’è nulla. All’auricolare però gli raccomandano una review e al monitor il dietrofront: rigore corretto per i tedeschi. Al 77’ fallo netto di Bensebaini su Darmian davanti all’arbitro (e non è il primo con gli stessi protagonisti), ma il fischietto resta muto. Diverse sviste come quando, sull’ultimo tocco di Thuram davanti alla porta di Handanovic si concede corner ai tedeschi. All’82’ Lautaro si lamenta per un mani in area, non c’è nulla né per arbitro e il Var non interviene ma l’impressione è che Kramer, con le braccia non larghe, si aggiusti volontariamente la palla. All’85’ Hofmann trova il raddoppio, ma per convalidarlo passano dei lunghi minuti. Il dubbio, è infatti, sulla posizione del marcatore non al momento del filtrante iniziale di Neuhaus, ma al momento del tocco di Plea che interviene subito dopo. Per il Var è una posizione regolare (millimetrica) grazie a De Vrij che lo tiene in gioco, ma le immagini ufficiali con le linee Var non sono state diffuse". Insomma, ancora una volta l'Inter è stata tutt'altro che "fortunata" con il fischietto di turno...

VIDEO - TANTI AUGURI A... - ROBERTO MOZZINI, IL GOL ALLA ROMA VALE LO SCUDETTO DELL'INTER PULITA

Sezione: Focus / Data: Gio 22 ottobre 2020 alle 08:38 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print