Ripartenza? Sì, ma non per tutti. O, almeno, non tutti sono così convinti di riaprire la stagione della Serie A. Come riferisce il Corriere della Sera, infatti, la Lega è divisa tra chi intende tornare a giocare e chi ha ancora dei dubbi. Il fonte del sì è capitanato da Lotito e De Laurentiis, che si portano dietro pure Pallotta. Ok condizionato da parte di Juve, Milan, Fiorentina e Sassuolo. "Le divisioni non sempre sono nette nella confindustria del pallone e a volte il bianco e il nero si sovrappongono - si legge -. Cairo del Torino, molto scettico sulla ripartenza, teme che questa strampalata stagione finirà per rovinare la prossima ed è contrario ai playoff e su questi due punti si trova d’accordo con Commisso della Fiorentina, che invece è favorevole alla ripresa. Ma il partito di quelli che si vorrebbero fermare è più ampio di quanto sia venuto fuori e impreziosito dall’Inter per volere del giovane presidente Steven Zhang anche se Marotta, per dovere istituzionale (è consigliere federale), cerca di mantenere una posizione equilibrata. Contrarie pure le genovesi, Samp e Genoa. All’inizio il più determinato a fermarsi era Cellino del Brescia, ora anche Pozzo dell’Udinese (che ha scritto una lunga lettera a Spadafora) mostra la sua preoccupazione. Non tutti hanno il coraggio di esporsi, ma il malumore serpeggia e le grandi manovre sotterranee continueranno".

Sezione: Focus / Data: Sab 23 maggio 2020 alle 10:21 / Fonte: Corriere della Sera
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print