Il rendimento elevatissimo di queste sue prime due stagioni in nerazzurro non è passato inosservato. Prestazioni sontuose e gol pesanti da parte di chi è bravissimo a evitarli. Stefan de Vrij è stato uno dei colpi migliori piazzati dal club nerazzurro negli ultimi anni. E pensare che Piero Ausilio l'ha soffiato alla Lazio, anticipando Juventus e Manchester United, a parametro zero nella primavera 2018. Contratto quinquennale da 3,6 milioni netti a stagione più premi: quasi il triplo di quanto percepiva nella Capitale.

Tra i top del suo ruolo a livello mondiale (Leonardo Bonucci, Mathjis de Ligt, Sergio Ramos, Gerard Piquè, Virgil van Dijk) De Vrij è quello che guadagna meno, anzi meno della metà dei suoi illustri colleghi ai quali per rendimento e livello non sembra aver nulla da invidiare. Normale in questi casi, per un calciatore, fare delle valutazioni. Anche perché il prossimo contratto - quest'anno ha già compiuto 28 anni essendo nato a Ouderkerk aan den Ijssel nel febbraio del 1992 - sarà il più importante (dal punto di vista economico) della carriera e potrebbe avere una regia speciale. Quella di Mino Raiola, esperto di calcio olandese e abilissimo da due decenni nel valorizzare e far monetizzare al massimo i propri assistiti. Come meritano.

In estate l'Inter intende sottoporre a De Vrij una proposta per allungare il contratto. I rapporti tra Raiola (che ha sempre parlato in termini lusinghieri di Suning) e Beppe Marotta sono ottimi da anni e il numero 6 olandese potrebbe così ottenere un congruo adeguamento dell'ingaggio, che sarebbe il giusto premio per quanto fatto e dimostrato in questi anni.

Sezione: Esclusive / Data: Mar 31 marzo 2020 alle 22:23
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print